You’re Next

Posted: 26th September 2013 by Death in Recensioni
Tags:

Interpreti: Sharni Vinson, Nicholas Tucci, Barbara Crampton, AJ Bowen, Joe Swanberg, Amy Seimetz, Rob Moran, Ti West, Margaret Laney, Wendy Glenn
Regia: Adam Wingard
Durata: 96 min.
Titolo originale: id.
Produzione: USA 2011

VOTO: 

Non è facile valutare oggettivamente un thriller come You’re next.
Da una parte i progressisti mi accuserebbero di sobillare un ristagno creativo che affossa gran parte dell’ultima produzione orrorifica; dall’altra i conservatori urlerebbero alla “fighetizzazione” di un genere un tempo glorioso ma attualmente buono solo in forma di parodia per cinefili hipster.
Ma siccome a me non me ne fotte un cazzo dei giudizi altrui, farò di testa mia come sempre.

E vi dico che questo thrillerino di Adam Wingard è sì modesto e classico nella sua accezione più ambigua, ma è anche gran spassoso e non privo di alcuni guizzi di sangue che son sempre ben accetti.
È innegabile che l’operazione sia divertita in partenza, dal copione che stronzeggia spesso e volentieri con situazioni e battute che più stereotipate non si può, sino alla presenza meta di quel babbo di Ti West, che si auto-percula e finisce scraniato dopo 5 minuti di screen time.

La stessa sorte che tocca alla famigliola beota che si ritrova alla mercé di uno squadrone di commando killers mascherati da animali (nello specifico un lupo, una volpe e… un agnello?!?). Il ritmo della mattanza è scandito dall’ammonimento che gli assassini lasciano tinteggiato in vermiglio nelle pareti della casa, cioè il titolo del film. Quindi si muore uno per volta, diligentemente trafitti da dardi o scannati a colpi di machete. La tensione latita perché, come accennavo prima, i toni sono rilassati e si scade spesso nella commedia, il ché non mi disturba in quanto scelta voluta, anche perché il film ha l’accortezza di controbilanciare con un’escalation sul versante splatter: si parte con omicidi fuori campo, si finisce con frullatori piantati in testa.

Tutto qui.

PRO
Mi piacciono i mascheroni

CONTRO
Astenersi puristi e rivoluzionari

Leggiti anche...

  1. Omonero says:

    Ben presto lo vedrolli e ti farebbi sapere cosa ne pensassi

  2. Fabio says:

    A me ha divertito non poco, splatter cattivo e finale scorretto.
    nulla di nuovo, ma cmq godibilissimo

  3. Jean Jacques says:

    Nel suo non voler dire nulla mi è davvero piaciuto! Pure le morti splatter sono belle toste come piacciono a me

  4. Lucia says:

    Sì, però che palle.
    Mi spiego: io mi sono anche rotta di divertirmi sempre così.
    Alla fine ogni battuta, ogni ammiccamento, ogni virata al comico li abbiamo già visti e visti fatti meglio.
    Poi oh, io pure al frullatore ho riso tantissimo.
    Però è così innocuo che lo faresti vedere anche al tuo nipotino di 6 anni.

    • Death says:

      Sono d’accordo con le tue considerazioni, nel senso che certamente You’re next non è un film che farà scuola, proprio perché sembra un filmino girato da appassionati per ghignarsela a vicenda di fronte a un pizzone fumante. Preso come tale va benissimo così, il menu è ricco: accette in testa, battute di cattivissimo gusto (“Voglio che mi scopi accanto al cadavere di tua madre”), mascheroni minacciosi. Naturalmente se si cerca qualcosa di più del semplice onanismo cinematografico si resta parecchio delusi! 😉