The Raven

Posted: 29th March 2012 by Death in Recensioni
Tags:

Interpreti: John Cusack, Luke Evans, Alice Eve, Brendan Gleeson, Oliver Jackson-Cohen, Jimmy Yuill, Kevin McNally, Pam Ferris, Dave Legeno, Sergej Trifunovic
Regia: James McTeigue
Durata: 111 min.
Titolo originale: id.
Produzione: USA, Ungheria, Spagna 2012

VOTO:

Edgar Allan Poe ha perso l’ispirazione. Non scrive più racconti del macabro ma, per tirare su due soldi, si riduce a elemosinare la pubblicazione delle sue recensioni al vetriolo (mi ricorda qualcosa…) nei confronti dei suoi contendenti. Affoga la disperazione nell’alcol e spipacchia merda di dubbia origine per evadere dalla triste realtà. Nessuno sa più chi cazzo sia e alla tavola calda, in tutta risposta ai celebri versi del suo racconto Il Corvo, gli ineducati avventori gli rispondono, anziché “mai più“, con un sonoro “stocazzo!”

L’occasione di riscatto gli viene porta quando un serial killer comincia a mietere vittime ispirandosi alle pittoresche dinamiche dei suoi racconti. Per dire: il pendolo affilato come una scure (scopiazzato in qualche episodio di Saw), lingue estirpate con tenaglie, la sepoltura nella bara… insomma, Poe già 150 anni fa ne cagava a pacchi in materia di splatter e per i fan dei suoi racconti le citazioni vengono mitragliate a raffica. Gli altri non coglieranno la sagacia citazionistica ma diranno “figo” lo stesso.
La sfida è lanciata: Poe deve risolvere il caso e contemporaneamente pubblicare la cronistoria delle indagini sotto forma di romanzo a puntate, compito reso più arduo dal rapimento della figa di cui Poe è innamorato perso nonché sua unica ancora di salvezza per la sanità mentale.

L’idea è quella di girare un minestrone di buoni ingredienti già assaporati in pellicole di successo, mixando un po’ di gore, serial killer dallo sfottò facile (come il buon Jack lo Squartatore), citazionismo letterario e gigionerie da grande attore, il tutto ritratto con una fotografia gotica e fichetta. John Cusack come Poe, aldilà della somiglianza fisica, è adeguato e se la gioca tutta sopra le righe, emulando un po’ ciò che Robert Downey Jr. ha fatto per Sherlock Holmes. Ho inspiegabilmente letto in giro solo critiche per John, e la cosa un po’ mi turba. Ma in fondo non mi sorprendo perché solitamente la mia opinione va contro quella comune, il ché significa che 1) o io ho ragione e gli altri non capiscono un cazzo o 2) io non capisco un cazzo e gli altri son dei coglioni (così, a prescindere).

Comunque, mentre lo Sherlock di Downey Jr. è ipercinetico e sovraumano il Poe di Cusack è un eroe fragile e distrutto, figura cinica ma la cui drammaticità è esaltata dall’estrema passione per il liquore duro e il pakistano nero.

McTeigue è il pupillo dei Wachowski, il tamarro che ha girato prima V per Vendetta e poi Ninja Assassin, non due pellicole propriamente sobrie e introspettive. Eppure, incredibilmente, il film è piuttosto misurato, senza particolari sboronerie di sorta, eccezion fatta per qualche gustoso schizzo di sangue in (credibile) computer grafica, e soprattutto non mostra mai un cazzo di ralenty o il Poe che schiva le mitragliate in bullet time, sia lodato il cielo.

Se vi alletta l’idea di un thriller d’indagine in oscuro stile Victorian Age o semplicemente volete fare i fighi coi vostri amici snocciolando citazioni di Poe ad ogni inquadratura, The Raven potrebbe garbarvi. Altrimenti in sala c’è il film di willwoosh, vedete un po’ voi.

PRO
Non ho mai letto Poe

CONTRO
Non ho mai letto Poe

Leggiti anche...