Skyfall

Posted: 3rd November 2012 by Death in Recensioni
Tags:

Interpreti: Daniel Craig, Judi Dench, Javier Bardem, Ralph Fiennes, Naomie Harris, Berenice Marlohe, Ben Whishaw, Albert Finney, Rory Kinnear, Ola Rapace
Regia: Sam Mendes
Durata: 143 min.
Titolo originale: id.
Produzione: USA, Gran Bretagna 2012

VOTO: 

Dunque, Skyfall. Ocio, che ci sono un po’ di spoiler.

Una media del 100% su Rotten Tomatoes (presto scesa al 95%, vittima della classica recensione fuori dal coro per scopi pubblicitari), i forum dell’internet impazziti: c’è chi grida al capolavoro assoluto, c’è chi si sega sulla girandola di citazioni (e su Bérénice Marlohe) e chi diceva “Daniel Craig merda” ora lo venera come il nuovo messia. Ma a me di James Bond, quello classico, non me n’è mai fregato più di tanto. L’ho sempre trovata una figura a metà tra il viscido e il laido, inoltre troppo villoso per rientrare nei miei rigidi canonici estetici di protagonista.

Non sono dunque la persona giusta per celebrare i 50 anni della spia più famosa del mondo. Ammetto di essermi avvicinato alla saga solo per l’effetto Craig: più muscoli, più depilazione, più action, meno stronzate british e zero pacchianate anni ’60. Ho una conoscenza del personaggio più enciclopedica che pratica, per cui durante la visione di questo ultimissimo capitolo colgo tutti i riferimenti al passato (più o meno si tratta di pronunciare ogni tanto i titoli dei vecchi film), ma non mi ci masturbo sopra.

Il film, come da tradizione, parte a bomba.
James insegue un pirla su un treno, ma Eve, la scimmietta che dovrebbe fornirgli copertura, anziché aiutarlo gli spara involontariamente in pieno petto. James, o meglio ciò che rappresenta, muore. SHOCK!

Consueta opening sulle note di Adele. Questa intro sta facendo parlare di sé come la migliore della serie in assoluto, ma a me piace molto di più – e non solo musicalmente – quella di Casino Royale.

Ritroviamo James a bombarsi una squinzia in una capanna sul mare e poi a trincare whiskey con uno scorpione nella mano. Nonostante gli abusi alcolici, James sfoggia sempre addominali freschi di body center. Anche il proiettile all’uranio impoverito sembra non avergli fiaccato i poderosi pettorali, e neanche i tricipiti gonfi dopo una sessione di nuoto in un grattacielo cinese. L’unico effetto collaterale è che spara un po’ stortino, come Eve del resto, ed è diventato cinico.

Viene reintegrato un po’ controvoglia nel MI6 perché quella babbiona di M c’ha il culo stretto a causa di alcuni attacchi hacker esplosivi. Pare che qualcuno voglia fargli la pelle. James, nonostante la consideri una stronza (a ragione), fa di tutto per salvarle le natiche grinzose e si mette sulle tracce del colpevole, spalleggiato da Q, un ridicolo nerd che si bulla di smanettare bene al PC ma nel momento più importante si fa crackare come un niubbo.

Il cattivone di turno è Raoul Silva, che c’ha un nome da pornostar latina ma è un finocchio da paura. A me Javier Bardem, ve lo confesso, sta un po’ sul cazzo quando fa questi ruoli da macchietta. Mal sopportai il suo Anton Chigurh nel film dei Coen e male ho sopportato questo villain dal parrucco platinato e con le chiappe chiaccherate. Fare il gigione, tutto mossette, moine e sguardi stralunati è giocare un po’ sporco se si vuole fare bella impressione. È ovvio che Silva rimanga impresso, ma al netto delle performances tifo ancora per il Le Chiffre di Mads Mikkelsen: entrambi i cattivoni non combinano un granché, ma mentre uno è solo un clown, l’altro è sottilmente perverso senza che faccia avances spinte a Bond (il massaggio ai coglioni col mazzuolo rotante non lo considero petting).

Si giunge alla resa dei conti, e bisogna fare le cose in grande. È il momento giusto per scopiazzare abbestia nientemeno che Van Damme e John Woo, con una situazione presa di peso da Senza Tregua, decorata con un paio di esilaranti accenni a Mamma Ho Perso l’Aereo. Silva si reca al rendez-vous finale scimmiottando la carica del colonnello Kilgore di Apocalypse Now, con gli Animals al posto delle Valchirie di Wagner. Bond e company lo attendono con trappoloni e fucili a canne mozze.

Alla fine quella vecchia di merda di M schiatta!
Fanculo, credo stesse sui coglioni a tutto l’MI6 e, sfondando la quarta parete a colpi di fastidiosità, a tutto il pubblico in sala. James invece si fa un bel pianto come una femminuccia.
Il finale è pazzamente revisionista e non si capisce più un cazzo della timeline ufficiale. Prequel o Sequel? Remake o Reboot? Paradossi temporali a parte, non vorrei che questo epilogo di rottura venisse sfruttato per un’ulteriore restyle del personaggio. Qualche giorno fa, qualcuno propose Idris Elba come nuovo 007, e capite bene che la situazione sembra sfuggire un po’ di mano, con tutto il rispetto per il grande Idrissone (che ricordiamo, si bomba la Theron in Prometheus).

Poi sì, scherzi a parte Skyfall tecnicamente è tanta roba, fotografia da schianto, ritmo pazzo, personaggi in parte. C’avevo un sonno della madonna ma il film è riuscito a non farmi addormentare, da sempre sinonimo di qualità. Però ecco, mi aspettavo qualcosa di più sorprendente, di indimenticabile. Invece rimane un bel film d’azione, che probabilmente piacerà più ai fan accaniti di Bond che ai profani come me. In ogni caso, se andate a vederlo non state buttando i vostri soldi. Ma a me era piaciuto di più Casino Royale…

PRO
È tanta roba

CONTRO
Bardem biondo oro

Leggiti anche...

  1. Psichetechne says:

    Vado a vederlo domani coi miei figli (e altra gente). Dopo averti letto, lo vado a vedere con più gusto. Poi ti dico. A presto 🙂

  2. Ecco Casino Royale non mi e’ piaciuto per niente non so per che, mentre questo e’ fenomenale. Le citazioni ci sono e sono tantissime su tutte l’aston martin db5 con la targa originale direttamente da Goldfinger. E l’intro e uno dei migliori dai http://www.youtube.com/watch?v=7HKoqNJtMTQ&feature=plcp
    A, quando M muore io ho esultato! Per me filmone!
    P.s.: Craig e Bardem gli detesto fino alla follia ma qui sono stati bravissimi.

    • Death says:

      La canzone mi piace anche, è l’opening video che non mi ha detto granchè 🙁 Quella di Casino Royale mi garba molto di più!
      Comunque rimane un bel filmone action solido, su quello niente da obiettare 😉

  3. Psichetechne says:

    Bellissima intro con canzone davvero notevole. Bello anche il film , sebbene personalmente mi aspettassi un pò più di azione. :=)

  4. John Carpentiere says:

    Allora l’ho visto ieri. Il verdetto: filmone con un grande opening pero’ anche a me è piaciuta piu la canzone. Anche se cerano momenti WTF Bondiani anche in questo(come gia detto da Death), su tutti la storia del proietile a uranio impoverito – che non si dovrebbe spezzare nella realtà ma sopprattutto non viene impiegato in armi di piccolo calibro.

    • Death says:

      Neanche l’uranio è stato in grado di scalfire i pettorali bullet-proof di Craig! 😀 Poi mi son scordato di citare la mitica scena coi varani… mattissima!

  5. Cleaned says:

    Pure io ho pensato Senza Tregua sul finale! Cioè quel tipo di situazione si è vista in altri mille film ma qui c’era pure il vecchio “zio” cacciatore pronto a dare una mano. Troppo uguale!

    • Death says:

      L’ambientazione grida Peckinpah a gran voce, ma tutta un’altra serie di motivi -il vecchio col fucilone, infatti!- anche a me hanno ispirato tanto Chance Boudreaux! 😉