Left Behind – La profezia

Posted: 22nd August 2015 by Death in Recensioni
Tags:

Interpreti: Nicolas Cage, Chad Michael Murray, Cassi Thomson, Nicky Whelan, Lea Thompson, Quinton Aaron, Martin Klebba
Regia: Vic Armstrong
Durata: 110 min.
Titolo originale: Left Behind
Produzione: USA 2014

VOTO:

Che Nicolas Cage non se la passi bene ormai non è più un mistero. Inguaiato col fisco, pare che il buon Nicolas abbia contratto debiti per circa 96 milioni di dollari. Ecco perché, oltre ad aver dovuto vendere tutti i suoi possedimenti ed esser finito ad abitare in un proletarissimo appartamento in affitto, lo vediamo sfornare film a raffica, spesso di qualità meno che scrausa. Impossibile dimenticare fetecchie come Il prescelto o L’ultimo dei templari, film così brutti da essere diventati dei piccoli cult dell’umorismo involontario.
Nel caso del qui presente Left Behind, però, credo che Nic abbia veramente toccato il fondo.

Cage interpreta un pilota d’aereo con gravi problemi familiari. Ha litigato con la moglie, ormai ossessionata dalle sacre scritture, ed è fuggito di casa gettando nello sconforto la figlia maggiore. Non sembra troppo afflitto: per consolarsi, si scopa una hostess bionda piuttosto figa. Scoppia il casino quando la figlia, pensando di fargli il sorpresone, va a trovarlo in aeroporto il giorno del suo compleanno per poi trovarlo proprio in compagna della biondona ingrifata, che per poco non gli tasta il cazzo sulle scale mobili.
Dopo un patetico tentativo di salvare la situazione di fronte alla figlia attonita, Cage decolla fottendosene di tutto mentre la poveretta torna dalla madre che ormai non fa altro che farneticare versetti della Bibbia.

Poi accade il twist.
Durante la tratta verso Londra, la metà dei passeggeri sparisce nel nulla. Il bizzarro evento non si verifica solo a bordo dell’aeromobile, ma proprio in tutto il mondo. Di punto in bianco, la gente scompare. Rimangono solo i vestiti a terra, tutti belli ordinati, come se il corpo si fosse volatilizzato nel nulla. Scoppia il panico, worldwide.
Tra una crisi isterica e l’altra, a qualcuno arriva l’illuminazione.
Si tratta del Rapimento della Chiesa…

Miss Wikipedia, help us please:

In escatologia cristiana protestante, il Rapimento è il nome dato a una teoria sulla realizzazione degli eventi descritti nell’Apocalisse.
Secondo questa dottrina, creduta in special modo dalle chiese evangelicali, Gesù Cristo scenderà dal cielo e porterà con sé tutti quelli nati di nuovo. Verranno trasportati simultaneamente ad incontrare il Signore nell’aria e, dopo aver subito una trasformazione del corpo, si uniranno ai credenti, precedentemente morti che nel contempo passeranno attraverso la prima risurrezione.

Capite? La fine del mondo! I puri vanno in paradiso, i fetenti restano a patire le cosiddette Tribolazioni sulla terra, destinata a diventare un inferno medievale governato dal caos.
E i fetenti, a giudicare dal film, sono veramente tanti. C’è il fedifrago (Cage), c’è il prete ipocrita, c’è la mamma apprensiva (?), c’è la vecchia rincoglionita (???), c’è ovviamente il talebano (!) e persino un nano incazzato con tutto e tutti.

Left Behind, dunque, si rivela per quello che è: una sorta di film di propaganda evangelicale, mascherato da film catastrofico grazie a un trailer montato ad arte.
Il problema dell’operazione intera, aldilà della sua natura ingannevole, è che nonostante cerchi di diffondere contenuti altamente opinabili, non ha neanche le idee chiare su come propinarli agli spettatori in maniera convincente.
Vi spiego. Il messaggio di fondo è che solo chi ha fede avrà salvo il culo, ok? Il problema è che tutte le persone di fede presenti nel film sono ritratte coi caratteri peggiori tipici dell’infervorato religioso, del bigotto represso, dell’ignorante col paraocchi. Non si spiega infatti lo scambio di frecciatine iniziale tra la protagonista femminile e una fan integralista di Gesù, ove quest’ultima ha la peggio dimostrando l’inconsistenza della sua posizione. Eppure a finire inculata è proprio la protagonista miscredente! Ma allora, se l’obiettivo del film è quello di aprire gli occhi agli infedeli, perché non ritrarre in maniera virtuosa le persone di fede e in maniera subdola i poveracci che non credono?

Aldilà di tutto ciò, in ogni caso, la realizzazione tecnica è una delle cose più pedestri che mi sia capitato di vedere lungo tutta la mia carriera cinematografica. Patinato malamente come una soap opera discount, montato col culo, recitato da cani, sceneggiato in maniera delirante e contornato da terrificanti musichette stock nelle scene più salienti.
Le psicologie dei personaggi sono abbozzate in maniera grottesca, alcuni di questi non hanno proprio utilità ai fini dell’economia della storia, altri reagiscono in maniera inconsistente (una tizia a un certo punto sbrocca con una pistola in mano, pochi minuti dopo propone a un’altra passeggera di pregare assieme).
Il film intero è un’esperienza psichedelica, ai confini della realtà. Spesso e volentieri mi sono ritrovato a chiedermi se ciò a cui stessi assistendo fosse vero o solamente un brutto sogno.

E il povero Cage cosa fa? Cerca di portare a casa la pagnotta con mestiere, urlando quasi niente, disperandosi quanto basta e optando per indossare una parrucca meno vistosa del solito. Ma si vede dalla sua espressione affranta che vorrebbe trovarsi da tutt’altra parte, o addirittura sparire anche lui nel nulla. Left Behind, nonostante gli “illustri” precedenti del Nicolas, è probabilmente il suo film più brutto non solo per via della sua terrificante fattura e delle sue tematiche discutibili, ma soprattutto perché, al contrario dei suoi classici “so bad it’s good“, è pure spaventosamente noioso.

Ho sempre espresso solidarietà per il Nic. Ha fornito ottime prove se diretto da registi di spessore (Scorsese, Lynch, i Coen) e anche nei suoi exploit più assurdi si è fatto voler bene per la sua mimica esagerata e il suo faccione da bravo guaglione.
Vederlo “recitare” in una spazzatura come Left Behind mi ha davvero messo addosso un malumore senza fine.

Ripigliati, Nic! Ti sono solidale.

PRO
Finisce

CONTRO
Spazzatura totale

Leggiti anche...

  1. Lupokatttivo says:

    Al nico alla fine gli vogliamo tutti bene… Chissa poi perché 😀 😀