La metamorfosi del male

Posted: 11th January 2015 by Death in Recensioni
Tags:

Interpreti: A.J. Cook, Brian Scott O’Connor, Sebastian Roché, Simon Quarterman, Vik Sahay, Stephanie Lemelin, Oaklee Pendergast, Angelina Armani
Regia: William Brent Bell
Durata: 89 min.
Titolo originale: Wer
Produzione: USA 2013

VOTO: 

Dopo l’interessante exploit vampiresco di Afflicted, anche i lupi mannari pretendono il loro bravo filmino pseudo-mock e quindi eccoci qua con La metamorfosi del male, altresì noto come Wer.

Un ragazzo spaventosissimo, alto due metri e villoso come pochi, è accusato di aver sbranato una famigliola in vacanza. Ovviamente tutti quanti sospettano di lui, perché il tipo è davvero inquietante e minaccioso, ma una stolta avvocatessa è determinata a tutti i costi a dimostrarne l’innocenza.
Avete già capito che se ne pentirà amaramente, no?

Si vorrebbe quindi imbastire una sorta di legal thriller del quale sappiamo già il finale, perché per quanto il team di azzeccagarbugli si scervelli nell’inventarsi patologie strane e altre cazzabubbole parascientifiche, è lampante che l’accusato sia un fottuto licantropo assassino. Quindi, per quanto i tentativi di motivare clinicamente la licantropia possano risultare interessanti (e presumo possano avere anche qualche fondamento storico), tu te ne stai lì a smascellarti dagli sbadigli aspettando la scena splatter che prima o poi arriva, ma i coglioni sono ormai gonfi.

L’idea poteva anche essere gagliarda, lo ammetto, ma le premesse erano tutt’altro che confortanti, dal momento che il regista di Wer è lo stesso dell’infamissimo L’altra faccia del diavolo, una delle fetecchie found footage più odiate degli scorsi anni, una vera merda.
Fortunatamente Wer funziona leggermente meglio ma, come già spiegato, ha uno sviluppo che tarda a ingranare, una trama già scritta e delle sequenze sì efficaci, però vanificate dalla dispersività dell’intreccio e dal team di protagonisti che fa girare i coglioni solo a guardarli e che quindi vorresti morti dopo appena 5 minuti.

Ci sarebbe anche un finale cafonata totale, che però non mi sento di spoilerarvi. La mia opinione a riguardo è in bilico tra la cagata mannara o la tamarrata che tutto sommato diverte, ma non essendo risoluto come la nostra brava avvocatessa tutta scema non mi arrogo il giudizio.

Da segnalare l’ottimo make-up splatter e alcune sequenze veramente efferate, che comprendono mandibole spanate a mani nude e morsi in piena faccia.

Il resto una visioncina distratta la può valere, proprio se vi sfagiolano un sacco i licantropi o se non c’avete proprio niente di meglio da fare… ma insomma, i capisaldi del genere ci sono già e pure da parecchio, se capite cosa intendo…

PRO
Buoni gli effetti

CONTRO
Protagonisti idioti

Leggiti anche...