Final Destination 5

Posted: 12th December 2011 by Death in Recensioni
Tags:

Interpreti: Nicholas D’Agosto, Emma Bell, Miles Fisher, Courtney B. Vance, Arlen Escarpeta, David Koechner, Tony Todd, P.J. Byrne, Ellen Wroe
Regia: Steven Quale
Durata: 92 min.
Titolo originale: id.
Produzione: USA 2011

VOTO:

Quando nella recensione di Breaking Dawn mi rassegnavo al mio triste destino di un rendez-vous annuale esclusivamente dedicato ai vampiri con i polsini (emo), mi ero in realtà scordato che ad allietare le mie nebbiose serate autunnali c’è anche la serie di Final Destination, il film ufficiale sulla legge di Murphy, che postula che, se qualcosa deve andar male, finirà senz’altro a merda.

La trama è sempre quella, un gruppo di sfigati capitanati da un clairvoyant (solitamente il più insipido della combriccola) scampa a un terribile incidente di massa, in questo caso il ponte di Brooklyn (magari non è proprio quello, ma rende bene l’idea) che cade in mille pezzi durante i lavori di manutenzione (alla faccia della sicurezza). Non è che il ponte crolli e splaf, tutti in acqua, troppo comodo così. I tiranti fanno a fette le persone, colate di asfalto bollente pitturano dei poveri disgraziati, macchine in testa come se piovessero… cose molto simpatiche. Ma siccome alla morte non piace lasciare conti in sospeso, i superstiti muoiono sistematicamente in sequenza in maniere molto pittoresche e ben più peggiori, presagiate dall’ormai caratteristica “alitata de la morte” e de li mejo mortacci loro.
E ormai lo scopo della saga, che narrativamente si è estinta già dal primo episodio, è semplicemente quello di sfogare gli istinti sadici dello sceneggiatore e rappresentare morti sempre più funamboliche e, cosa importante, sempre più splatter.

Se infatti nel primo episodio il sangue scarseggiava, tutti i sequel, forti degli ultimi ritrovati in computer grafica, fanno a gara a chi mostra lo schizzo di sangue più copioso e estroso (un po’ tipo il bonus artistico di Carmageddon). E allora abbiamo, oltre alla massiccia scena iniziale che non delude mai, una funambolica ginnasta che rischia grossissimo coi suoi volteggi, una seduta di agopuntura finita malissimo, un intervento lasik finito ancora peggio (e a me che sono un quattrocchi questa scena ha fatto cagare pesantemente la mutanda…) e nuovamente il problema della sicurezza sul lavoro, argomento già anticipato nel prologo e qui approfondito sino alle più estreme conseguenze.

Di tanto in tanto sbuca fuori Tony Todd che sogghigna e fischietta, ma si riserva di aiutare i poveri disgraziati, perché con quella faccia è difficile essere caritatevole.
E poi c’è Miles Fisher che è uguale sputato a Christian Bale e forse farà il remake di American Psycho, già citato in un suo videoclip, perché il bellimbusto è anche cantante e se fosse alto 20 cm in più sarebbe davvero in parte. Ma essendo che American Psycho (libro e film) è un mio intimo cult, sono pronto ad imbracciare l’accetta in caso che le cose vadano a merda, come ci insegnano Murphy e questo film.

Per la gioia dei patiti di criptocitazioni, il film è pieno zeppo di riferimenti ai precedenti film della saga: se Final Destination è la vostra saga preferita di tutti i tempi… beh, state messi male, ma almeno vi divertirete a individuare tutte le “chicche” di cui il film è infarcito.
C’è anche un colpo di scena finale caruccio ma siccome non posso spoilerare chevvelodicoaffà?

PRO
Splatter

CONTRO
Sempre la solita minestra

Leggiti anche...

  1. anonimo says:

    Come ti dissi per Capitan America, sei stato troppo buono col voto! Il film è PALLOSISSIMO! E' veramente una mera fregnaccia all'insegna dello sfoggio di decessi coatto-splatter-violenti al punto che la suspance della morte che predispone la fine della vittima è più che soporifero!
    Molto simile a Saw "3d" in cui si assisteva piu che altro a sequenze di macelleria in culo a una continuità narrativa! NOIA CACCA PISCIO MERDA!

    P.S. E poi…ma se io, immedesimandomi nel protagonista, avessi scampato la zia falce fino a fine film, secondo te sull'aereo quando mi vedo uno che sclera dicendo che saremmo morti tutti NON sarei sceso?….MAVAFFANCULO!
    (E si: HO SPOILERATO! Tanto piu che colpo di scena era il definitivo COLPO AI COGLIONI!)

  2. deathrow says:

    Ma io mi tiro le seghe sulle scene splatter, che male c'è…