Clown

Posted: 29th November 2014 by Death in Recensioni
Tags:

Interpreti: Andy Powers, Laura Allen, Peter Stormare, Elizabeth Whitmere, Matthew Stefiuk, Christian Di Stefano, Robert Reynolds, John MacDonald
Regia: Jon Watts
Durata: 99 min.
Titolo originale: The Clown
Produzione: USA 2013

VOTO: ½

Il preambolo di Clown sembra sciocco ma si rivela in realtà un’idea micidiale.

Un povero padre di famiglia, agente immobiliare, si trova costretto a sostituire un pagliaccio assenteista, attesissima star della festicciola di compleanno del proprio pargoletto. Trovandosi nella merda, il disgraziato trova un baule, nella soffita di una delle case in vendita, che cela un favoloso costume da clown d’epoca, pellato, con parrucca, naso finto e cerone a corredo.

La sua entrata in scena manda in visibilio i mocciosi: Dummo il clown (questo il primo nome da pirla che gli salta in mente) è grottesco come pochi, ma i bimbi hanno gusti discutibili e il travestimento è un successone. A fine serata ci scappa quasi la chiavata con la moglie, anch’essa avvinta. Peccato che il costume sia arduo da togliere, troppo aderente e con cerniere lampo inviolabili.

Dopo aver accompagnato il figlio e presenziato a un appuntamento di lavoro ancora agghindato da giullare, il nostro novello pagliaccio viene colto da un terrore senza nome. Il costume non vuole saperne di levarsi dai coglioni e neanche l’intervento di un seghetto elettrico può nulla contro quel tessuto infernale. Comincia a maturare nella testa del nostro amico che quella pelle impenetrabile non sia il solito costume carnevalesco da centro commerciale.

Un colloquio col sempre mitico Peter Stormare, caratterista di quelli cazzuti, fuga ogni dubbio: il costume da clown è in realtà… lo volete davvero sapere? Non che ci voglia molto a indovinare, ma vi lascio la sorpresa.

In sostanza, il nostro amico comincia ad avvertire sempre più spesso lo stimolo della fame, con tanto di brontolii in dolby surround, guardacaso in prossimità di bambini.
Il resto si scrive da sé, specificando che a un certo punto il clown diventa una sorta di Predator col naso rosso, imponente e con voce gutturale, un vero spettacolo.

Se, come tutti, da piccoli siete rimasti traumatizzati da It, oppure se avete semplicemente paura dei pagliacci (coulrofobia, mi dice Wikipedia), Clown è un film che potrebbe regalarvi sane scagazzate nelle mutande.
Se invece dei pagliacci vi frega una sega ma siete comunque alla ricerca di un horror schietto e senza troppi fronzoli, non vi pentirete della visione.

Personalmente, ritengo Clown un piccolo gioiellino che sfrutta in maniera egregia un’idea senz’altro ganza ma rischiosissima da trasporre su schermo, con momenti ironici e altri di cattiveria assoluta (pochi film hanno le palle di mostrare bambini fatti a pezzi) in perfetto equilibrio.
Non aspettatevi però una specie di Venerdì 13 con un pagliaccio al posto di Jason…

PRO
Se vi cagate per i clown, siete fottuti

CONTRO
Se vi aspettate un semplice slasher…

Leggiti anche...

  1. psichetechne says:

    Hai visionato “The Babadook”, di Jennifer Kent? Ti prego, guardalo. Io (e molti altri ne hanno scritto fiumi di parole). Meriti molto. E molto di più. E di più ancora 🙂

  2. Horace Pinker says:

    Finalmente qualcuno che non ne parla definendolo una merda completa,yuuhuu! Non l’ho ancora visto,ma spero di riuscirci in questi giorni. Concordo con Psichetechne qui sopra: The Babadook è un film molto interessante e a tratti inquietante. Lascia diversi interrogativi e ci sono momenti di vera tensione.

  3. Death says:

    The Babadook è in lista! Devo solo trovare la giornata “giusta” per visionarlo 😉 Sono un purista in questo senso… ci vuole atmosfera 🙂

  4. Horace Pinker says:

    Death, più atmosfera di questi giorni non si può! Il tempo fa cagare (e quindi mi piace), fa freddo e questo è un ottimo stimolo a poltrire mentre si guarda un buon film 😀